10 cose da mangiare in Puglia

Se hai programmato le vacanze in Puglia non puoi certo tralasciare l’aspetto culinario. La cucina pugliese è ricca di deliziose bontà in tutto il suo territorio, da Bari a Taranto arrivando sino a Lecce, la gastronomia made in Puglia è pronta a stupire anche i palati più esigenti!

  1. L’Olio extravergine di Oliva

Da molti definito come “l’oro della Puglia”, antico e prezioso come la terra dalla quale è prodotto, è il frutto di un clima soleggiato e ventilato, ma soprattutto il risultato di grande lavoro e dedizione da parte di chi, con amore, coltiva e cura questi autentici monumenti della natura. I segreti sulla potatura, la raccolta e la macinatura si tramandano da generazioni e ogni goccia di olio è ricca di proprietà organolettiche e ha un sapore inimitabile. Per gustarlo in purezza basta versarne un po’ su del pane.

  1. La Burrata di Andria

Una vera prelibatezza, si tratta di uno dei più pregiati e particolari prodotti caseari della Puglia. La storia della regina dei formaggi narra che l’invenzione sia frutto della sapiente arte casearia andriese. Nei primi decenni del secolo scorso, durante una forte nevicata, fu impossibile portare il latte in città dalle masserie. Così, per non sprecarlo, fu necessario trasformarlo. In quell’occasione, il casaro andriese Lorenzo Bianchino ebbe l’idea di creare un “sacchetto” di pasta filata in cui racchiudere degli sfilacci fatti della stessa pasta, immersi nella panna che affiorava dal latte (la cosiddetta stracciatella); richiuse il tutto e modellò con cura l’imboccatura donandole la caratteristica forma apicale. Nacque così la prima Burrata di Andria, legittimata oggi dal Consorzio di tutela IGP che conquista tutti al primo assaggio!

  1. La Focaccia

Alta soffice e con i bordi croccanti, condita semplicemente con pomodorini e origano, la focaccia pugliese o barese è un piatto semplice e allo stesso tempo molto gustoso. L’impasto prelibato è composto da pochi ingredienti: farina, lievito di birra, acqua e sale.
In perfetto stile street food si mangia ovunque e, passeggiando tra i vicoli pugliesi, per trovarla bisogna solo seguire il profumo che emanano le panetterie delle città.

  1. Il Pasticciotto leccese

Questo dolce ripieno di crema pasticcera rivestito da una croccante pasta frolla è un must di ogni vacanza in Salento che si rispetti. Per gustarlo in tutta la sua bontà va assaporato caldo e appena sfornato.

  1. Il pane di Altamura DOP

La ricetta è ancora quella del Medioevo: semola di grano duro, acqua, sale fino e lievito madre, come la cottura che è ancora fatta, come da tradizione, in forni di pietra. È facilmente riconoscibile dalle forme, due sono quelle tipiche: a cappidde de prévete (a cappello di prete) basso e con poca mollica e u Scquanét, un po’ più alto. Viene prodotto esclusivamente con semola di alcune precise varietà di grani duri coltivati ad Altamura e nei dintorni. Si lascia gustare in semplicità appena sfornato o solo con un filo d’olio d’oliva rigorosamente pugliese.

  1. Il caffè speciale di Polignano

Al numero 22 di piazza Garibaldi si trova un locale storico di Polignano, il “Super Mago del Gelo Mario Campanella”, è proprio qui che si può gustare il Caffè speciale, una delle cose da gustare almeno una volta quando si è in Puglia! Caffè, scorza di limone, zucchero, panna e amaretto: questi sono i 5 ingredienti magici del caffè speciale di Polignano a Mare che viene servito tiepido in piccoli bicchieri di vetro. Dal Super Mago del Gelo, fondato nel 1935, sono passati diversi artisti italiani ed internazionali, tutti immortalati nella collezione di foto d’epoca appesa sulle pareti del locale, fra cui l’immancabile Domenico Modugno, che a Polignano a Mare ha avuto i natali.

  1. I taralli

I taralli sono una specialità tipica pugliese conosciuta in tutto il mondo. L’impasto di base è semplicissimo, composto da farina, olio, sale e pepe. Ne esistono diverse versioni: possono essere cotti al forno o bolliti, alcune volte arricchiti da diversi ingredienti come la cipolla, le olive, i cereali, il peperoncino o la curcuma! Sono uno snack perfetto da gustare in qualsiasi momento della giornata e sono sicuramente tra le cose da mangiare in Puglia. Attenzione però, uno tira l’altro!

  1. I confetti

Il Museo del confetto di Andria riserva un’esperienza unica. Si divide in due parti: la prima dedicata alla scoperta degli storici macchinari e della produzione, mentre nella seconda c’è la zona riservata alla vendita, dove confetti e tenerelli di ogni tipo non lasciano che l’imbarazzo della scelta!

  1. Passionata di Troia

Ispirato alla Passione di Cristo della settimana Santa, è stata creata dai coniugi Lucia Casoli e Nicola Mecca, proprietari della pasticceria Casoli di Troja. Si tratta della risposta pugliese alla più popolare cassata siciliana. Un dolce di alta pasticceria, uno scrigno delizioso realizzato con prodotti locali. Si compone così: crema di tre tipi di ricotta (pecora, bufala e mucca) su di biscuit mediterraneo (dalla ricetta segretissima), rivestito da marzapane di mandorle di Toritto al vino “Nero di Troja”, che gli conferisce il caratteristico colore violaceo.

  1. La puccia

Tra le dieci cose da mangiare in Puglia, c’è anche un particolare formato di pane tipico che appartiene alla tradizione culinaria salentina: la puccia. Le puccerie propongono una versione genuina del fast food, infatti in questi piccolissimi locali si può assaporare il gusto autentico delle pucce cotte rigorosamente in forni a legna. Il nome deriva dal termine con cui veniva chiamato il pane dei militari, buccellatum, ovvero boccone, e la forma è quella di un panino rotondo ma privo di mollica. Proprio per tale ragione è ideale da farcire con qualsiasi ripieno, si va dai più semplici a base di salumi e formaggi a quelli più elaborati e tradizionali con lo spezzatino di carne di cavallo.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *