COSA VEDERE A
OSTUNI.

GUIDA COMPLETA ALLA VISITA

 

Ostuni. Panorama

Dove si trova Ostuni, una delle bellezze del Salento

Ostuni è una caratteristica cittadina della provincia di Brindisi, nella Puglia meridionale. La città bianca, così chiamata per il peculiare colore delle abitazioni, sorge su tre colli a più di 200 metri sul livello del mare. Si tratta di un rinomato centro turistico, che da oltre vent’anni riceve la Bandiera Blu e le cinque vele di Legambiente grazie alla pulizia del mare e ai servizi offerti. É uno dei paesi più noti della penisola Salentina, assieme ad Otranto, Lecce e Santa Maria di Leuca. Se ti stai chiedendo cosa fare e cosa vedere a Ostuni e vuoi pianificare un tour della zona continua nella lettura della guida!

Ostuni centro storico e spiagge da sogno

Situata nel cuore del Salento, Ostuni è un famoso centro balneare, che offre agli abitanti locali e ai numerosi turisti spiagge, calette sabbiose e coste rocciose punteggiate dalla macchia mediterranea. Per ben 17 chilometri di costa, denominata Marina di Ostuni, hai la possibilità di vedere alcuni splendidi luoghi. Tra i litorali da non perdere ti segnaliamo Rosa Marina, che offre una serie di piccole e tranquille spiagge di sabbia immerse nella splendida e rigogliosa macchia mediterranea; Costa Merlata, che deve il nome alla linea costiera frastagliata che permette la creazione di intime calette, e Torre Pozzella, una delle più belle spiagge, a circa 7 chilometri dal centro storico, in cui il paesaggio che ti aspetta è davvero incantevole grazie alla natura selvaggia, scogliere e formazioni rocciose alte sei metri e acqua cristallina. Inoltre la zona è resa ancora più caratteristica grazie all’antica torre d’avvistamento del Cinquecento, a ridosso del litorale. Al di là delle spiagge, anche la cittadina offre diverse attrattive d’importanza culturale, artistica e architettonica, quali la Cattedrale di Ostuni, la chiesa di S. Giacomo in Compostella, il Museo diocesano di Ostuni, la Porta San Demetrio, i diversi siti archeologici o le famose masserie di Ostuni.

 

Vicolo ad Ostuni

Cosa vedere ad Ostuni in 1 giorno o in poche ore?

I luoghi d’interesse storico e culturale nella cittadina salentina sono molteplici, ma cosa vedere ad Ostuni in poche ore? Tra le principali attrattive potresti cominciare con la visita guidata della Cattedrale di Ostuni, situata nella parte più alta del paese, nella Piazza del Balio, e costruita nel XV secolo per volere di Ferdinando d’Aragona e Alfonso II, entrambi sovrani del Regno di Napoli. La chiesa si distingue per le caratteristiche inusuali, lo stile gotico quattrocentesco e lo splendido rosone. Se decidi di trascorrere le tue vacanze a Ostuni, devi visitare la maestosa chiesa di S. Giacomo in Compostella, tipico esempio di arte gotica, eretta all’inizio del Quattrocento per volere della nobile famiglia Caballerio, che conserva ancora oggi l’originale architrave del portale e il soprarco ogivale scolpito. Continuando la tua passeggiata, ti segnaliamo anche il Museo dicioesano di Ostuni, situato all’interno dell’antico Palazzo dell’Episcopio, che ospita diverse opere d’arte provenienti da monasteri e chiese locali. Invece nella piazza principale, Piazza della Libertà, puoi ammirare la Chiesa di San Francesco e il convento, trasformato nel Palazzo San Francesco, sede del Comune. La piazza è un importante luogo di incontro e teatro di diversi eventi nel periodo estivo, inoltre ospita la barocca Guglia di Sant’Oronzo e la seicentesca Chiesa dello Spirito Santo. Visitare Ostuni è un’esperienza da non perdere, specialmente per le diverse masserie della zona: dalla masseria Santa Caterina alla struttura Lo Spagnulo, dalla masseria Carestia fino alla dimora Ferri, solo per citarne alcune. Oltre all’importanza storica e architettonica, le masserie sono determinanti per capire tradizioni e cultura della zona.

Ostuni cenni storici: un tuffo nella storia antica

Dal greco Astu-neon, ossia città nuova, Ostuni è stata eretta probabilmente circa duemila anni fa sulle macerie di costruzioni antiche. La posizione tattica e difendibile ha attirato i messapi, antica popolazione italica, che vi ha abitato a partire dal VII secolo a.C. Nell’area interessata sono state rinvenute inoltre strutture e ceramiche di età imperiale, romana e medievali. Tuttavia pare che nella zona di Ostuni l’insediamento umano si sia verificato fino da epoche più antiche, infatti in una masseria sono stati ritrovati i resti di una donna del paleolitico e nelle grotte reperti ceramici e ossei. Ostuni, soprannominata città bianca, ha ospitato, intorno all’anno Mille, anche quattro porte. Oggi puoi vedere solo Porta Nova e Porta San Demetrio, collegate da una strada circolare che cingeva le mura per congiungersi poi nella piazza del Moro, fulcro dell’attività commerciale e politica nel Medioevo. Il massimo sviluppo urbanistico della città avviene durante il Rinascimento, quando il centro cittadino viene spostato in Piazza Libertà. Oggi, la fisionomia e la struttura del paese non sono molto diversi da quelli di circa tre secoli fa, anche se il notevole sviluppo degli ultimi quarant’anni l’ha resa una delle località più apprezzate della regione e meta per turisti italiani o stranieri che vogliono trascorrere le vacanze a Ostuni.

Ostuni e dintorni da visitare: Cisternino e Carovigno

Se sei alla ricerca di posti belli vicino a Ostuni, da vedere anche in un giorno, ti consigliamo di recarti a Cisternino, Bandiera Arancione, marchio designato per le località dell’entroterra che si distinguono per i servizi, l’offerta e l’accoglienza riservata ai turisti. Dista soli 15 km da Ostuni e si tratta di un borgo caratteristico affacciato sulla Valle d’Itria, nella Murgia dei Trulli. Se hai pianificato un tour della Puglia devi organizzare una tappa in questa cittadina,il cui ingresso principale è costituito dalla torre di Porta Grande, su cui svetta la statua di San Nicola.

Ti chiedi cosa vedere a Cisternino? Nel centro puoi ammirare le dimore storiche, come il palazzo del Governatore,il palazzo vescovile o il Palazzo Ricci-Capece con la Torre del Vento, solo per citare qualche esempio. Continuando la tua passeggiata hai la possibilità di visitare il convento dei monaci Cappuccini con la chiesa di Sant’Antonio e di San Quirico. Per quanto riguarda tradizioni e cultura della zona, se ti trovi a Cisternino nel periodo pasquale, in particolare il lunedì di Pasqua, la popolazione si dirige al Santuario della Madonna d’Ibernia portando i “u chrruchl”, un dolce propiziatorio a forma di borsetta con due uova sode per gli uomini e di bambola, con un uovo nel grembo, per le donne.

Di indubbia bellezza è anche Carovigno, a circa 8 km da Ostuni, una cittadina dalle origini molto antiche, probabilmente dell’età della pietra. Qui puoi organizzare una gita, visitare il centro storico e il Castello Dentice di Frasso di Carovigno, posto sul punto più alto del paese, in una posizione strategica. Dalle torri puoi ammirare uno splendido panorama di tutta la fascia costiera fino a Brindisi.

Un po’ più lontana rispetto ad Ostuni, ma comunque nella parte bassa della Puglia, si trova la meravigliosa città di Lecce. Sicuramente da non perdere per gli amanti delle bellezze architettoniche e storiche.

Leggi la guida completa su Lecce

Cosa e dove mangiare a Ostuni, ristoranti e piatti tipici

La cittadina pugliese offre molteplici luoghi in cui poter degustare alcuni dei piatti tipici e tradizionali della cucina salentina. Ristoranti, pizzerie, trattorie e osterie ti permetteranno di assaporare i migliori gusti e i sapori del territorio.

Tra i ristoranti segnaliamo il Porta Nova Ostuni, specializzato in piatti a base di pesce. É l’ideale per trascorrere una romantica serata, all’insegna del gusto, ma spendendo un prezzo ragionevole.

Altrettanto consigliata è l’Osteria del Tempo Perso, conosciuta anche per la bellezza della location, poiché è situata all’interno di un antico forno del Cinquecento e in un museo sulla civiltà contadina del luogo. Cenare qui permette non solo di assaggiare i migliori piatti pugliesi, ma anche godere di un’atmosfera tutta speciale.

Se invece preferisci mangiare nel centro storico di Ostuni ti consigliamo La Vecchia Terrazza, locale semplice e accogliente in cui gustare pietanze tradizionali e alcune specialità come formaggi, affettati e pasta fresca.

Infine per rendere indimenticabili le tue vacanze a Ostuni non puoi non mangiare al ristorante La Grotta degli Avi, situato all’interno di una grotta ricavata in una roccia del Settecento, che da più di vent’anni propone piatti genuini e deliziosi.

Tuttavia per avere le idee più chiare su cosa mangiare ad Ostuni ti consigliamo qualche piatto tipico e tradizionale da non perdere, a partire dalla frittata alla menta, che si caratterizza per l’aggiunta di foglie di mentuccia, oppure il cappello, uno dei tanti modi per preparare le melanzane e le zucchine, ossia cucinando un timballo farcito con le verdure fritte, carne, uova sode e formaggio. Un’altra pietanza che devi assolutamente assaggiare è la “ncapriata”, piatto ricco di sapori costituito da una crema di fave secche bollite a cui si aggiunge cicoria (o cime di rapa) cotta a parte e condita con il famoso olio extra vergine d’oliva, altro prodotto tipico.

E come non gustare la classica pastasciutta pugliese? Stiamo parlando delle orecchiette con le cime di rapa! Potremmo continuare all’infinito ma, come ultima cosa, ti ricordiamo di assaggiare e fare incetta di taralli, una sorta di anelli di pasta cotti in forno e aromatizzati con olio, spezie o nelle versioni dolci. Non dimenticare di acquistare qualche confezione in più e di portarla a casa!

I principali eventi a Ostuni: mostre, concerti, spettacoli e sagre

Tra le diverse manifestazioni che si svolgono ad Ostuni, uno degli eventi più importanti è costituito dalla Festa per il protettore Sant’Oronzo. Dal 24 al 27 agosto, ogni anno, la cittadina si anima e si attiva per festeggiare degnamente tale occasione. Il momento principale è costituito dalla Cavalcata di San’Oronzo, con la sfilata di un corteo di cavalli e cavalieri che scortano una statua in omaggio al Santo che alla fine del Seicento portò in salvo gli abitanti di Ostuni dalla peste. Sempre nel mese di agosto, si svolge la Sagra dei Vecchi Tempi, durante la quale, oltre a gustare piatti tipici locali, è possibile osservare gli artigiani impegnati nella riproduzione di vecchi mestieri scomparsi, quali l’umbrellare e l’acconzopiatte (ossia l’aggiustatutto). Tuttavia Ostuni è anche un centro adatto per i più giovani, che cercano il divertimento anche di notte. Tra le discoteche più glamour e note ti segnaliamo la Silver System, aperta tutto l’anno, che offre non solo un locale chic con tre sale, ma anche una piscina illuminata, colori e giochi di luce. In alternativa puoi scatenarti nella discoteca Shabuyà, che ospita dj di musica house. Se preferisci trascorrere una serata più tranquilla puoi scegliere tra i tanti bar nel centro cittadino, come Sinclair, Titanic Caffè, Bar Caffè moderno, Bar del Pozzo e altri. Durante i mesi estivi, passeggiando tra le vie di Ostuni città bianca puoi imbatterti in sagre tipiche, come la Sagra della Frisa o della salsiccia, fiere e concerti.

[Torna su questa pagina per continuare a leggere]

>> TOUR A OSTUNI <<